Gorizia Sostantivo Femminile

Gorizia Sostantivo Femminile

Dal 12 giugno al via l’iniziativa “GORIZIA SOSTANTiVO FEMMINILE” promossa dall’associazione volontaria Via Rastello e il Leo Club Gorizia.

Il tema sarà DONNA ❤️Donna come LA via RastelloDonna come “noi” associazioneDonna come nascita o rinascitaDonna come rivincita e forzaDonna come compagna, mamma, amica.Donna come L’arte…Nelle vetrine di via RASTELLO vedrete opere di donne e opere per le donne… Aspettando il 3 luglio…

🥀
🥀
🥀
🥀
🥀

L’ARTE IN VETRINA È DI

ARGENTINA CERNE🌻

BENY KOSIC🥀

VALENTINA OLIVO

ANTONELLA SANDRON🍀

MAURIZIA MARINI🌼

FRANCO SPANÒ💐

ASSOCIAZIONE PROLOGO🥀

ASSOCIAZIONE NOI DELL’ARTE🌹

AMBRA MAREGA🌷

SILVIA KLANJSCEK💮

ADRIANA MARCORIN 🌸

FLAVIA TUREL🌹

ELEONORA POLVERINI🌸

SARA LAMANDA🪴

L’Associazione Noi …dell’arte si inserisce nel panorama di proposte creative della regione FVG sin dalla sua creazione nel giugno 2010 a Gorizia.Il principale obiettivo è diffondere e promuovere la cultura artistica ed artigianale, attraverso attività di formazione e la valorizzazione di tradizioni, arti e antiche manualità che fanno parte del nostro patrimonio culturale.
L’arte tessile è lo strumento sapientemente utilizzato dalle artiste dell’associazione per narrare il territorio e la sua natura nei tessili  esposti. Le storie tessili sono racconti di fili, orditi e trame, genesi di qualsiasi tessuto che possono intrecciare mappe superando spazio e tempo, legando persone, sensazioni ed emozioni, in maniera inedita, imprevedibile ed evocativa.
Le opere rappresentano un particolare percorso di ricerca che spazia dalle fibre di lana  intrecciate con tecniche di infeltrimento e di tessitura arricchite dalle note cromatiche che solo la  tintura naturale e la stampa vegetale può donare.
Le texture sono state realizzate a mano e le delicate nuance cromatiche sono state ottenute con  i vini locali come Picolit, Refosco, Merlot  abbinati ad  una particolare tecnica di tintura che ne conserva ed esalta l’unicità dei colori.

“I volti del M.A.D.A.” – Progetto fotografico di Elisa Piccaro

“I volti del M.A.D.A.” – Progetto fotografico di Elisa Piccaro

L’artigianato è amore, ricerca, curiosità. E proprio questo profondo rapporto emozionale – ed emozionante – è protagonista dei ritratti che la fotografa Elisa Piccaro ha scattato alle artigiane e designer del M.A.D.A. Temporary Lab durante l’estate 2020. Un progetto che mette al centro i volti delle donne, protagoniste delle attività del laboratorio, e le loro creazioni.

“Sono una fotografa professionista, mi sono appassionata al modo di intendere l’artigianato del M.A.D.A. Temporary Lab e ne faccio parte. Credo molto nelle collaborazioni, nelle sinergie e, assieme a Valentina Bertossi, ho realizzato una serie di ritratti, affidaandole la parte stilistica di alcuni scatti. L’intenzione è quella di raccontare l’artigianato al femminile e il rapporto emozionale che s’instaura tra le artigiane e le loro cre-azioni. Per scelta sono state utilizzate luci naturali, architettura e scorci della città Ducale per contestualizzare i ritratti delle persone assieme agli oggetti che progettano e realizzano con passione.”

Elisa Piccaro

Progetto e fotografie_ Elisa Piccaro
Styling_ Valentina Bertossi
Allestimento_ Arch. Francesca Petricich
Stampe_ Fine Art su carta cotonata Ultrasmooth_ 30×45 cm

Artigiane e artiste coinvolte_

Elena Borgna_ Labò
Francesca Carbone_ Makamom
Angela Caporale_ Comunicazione per il M.A.D.A. Temporary Lab
Manuela Chiappo_ Mandulis
Vania Gasperoni_ Corteccia di Rame
Jana Kullmann_ Janecolori
Monica Missoni_ Hasu Lab Design
Cristina Mocchiutti_ Crimosh
Francesca Petricich_ Crea-azione
Antonella Pizzolongo_ Noi dell’arte
Cristina Regazzo_ SezioneR
Giulia Russo_ Capocampione
Elise Specogna_ Arte Applicata
Ambra Tilatti_ Adelaide 1931
Elena Tuan_ Misia
Flavia Turel_ Noi dell’arte
Giada Zampar_ Opificio77

“Foglie dello stesso albero”, i Maestri Artigiani in mostra a Cividale

“Foglie dello stesso albero”, i Maestri Artigiani in mostra a Cividale

 Foglie dello stesso albero…

 radici nella stessa terra.

Ogni ramo ha la sua declinazione e la sua maestria, ma la fantasia e l’amore del proprio lavoro legano ed incrociano le strade di questi quattro laboratori.

Sperimentazioni orafe, tessuti unici, preziose opere di legatoria e sculture che riportano a nuova vita il metallo. Sono questi i tesori della mostra “Foglie dello stesso albero” che sarà ospitata dalla Galleria Spazio Cortequattro di Cividale del Friuli dal 22 marzo al 14 aprile 2019 in collaborazione con l’Associazione “Noi… dell’Arte”. 

I Maestri Artigiani, tutti attivi in Friuli Venezia Giulia, Liviana Di Giusto, Federica e Nicola Mazzola, Paola Matiuzzo e Fabio Comelli portano avanti il loro lavoro, intrecciando l’esperienza e la qualità del “saper fare” con un’alta componente creativa. E così i preziosi tessuti di Arteviva si affiancano all’oreficeria d’autore della Fucina Longobarda Mazzola, alle rilegature e carte ricercate della Legatoria Ciani, alle sculture in metallo dello Studio Comelli. 

La mostra “Foglie dello stesso albero” è un’occasione per scoprire e valorizzare mestieri tradizionalmente tramandati di padre in figlio che, oramai, si stavano perdendo. Qui, grazie all’estro e alla passione dei Maestri Artigiani, vengono reinventati e attualizzati: con questo spirito e condividendo questa energia, il gruppo trova ispirazione per le creazioni che sono tangibile testimonianza di come sia possibile dare una nuova linfa vitale ad un arte antica, serbandone intatto il fascino.

L’esposizione nella Città Ducale dove saranno presenti anche delle opere inedite, è la quarta tappa di questo percorso creativo e artistico collettivo. Precedentemente, “Foglie dello stesso albero” è stata ospitata nella Torre Medievale di Tarvisio nel 2016, a Palazzo Meizlik ad Aquileia nel 2017 e al Teatro Nuovo Giovanni da Udine nel 2018.

INAUGURAZIONE

È con piacere che siete tutte e tutti inviati all’inaugurazione che si terrà sabato 23 marzo 2019 alle ore 18. 

locandina foglie dello stesso albero

ORARI

Venerdì : 15.00 – 19.00

Sabato : 10.00-12.00 e 15.00-19.00

Domenica : 10.00 – 19.00

Design per Cividale: 9 creative raccontano la città

Design per Cividale: 9 creative raccontano la città

Dopo Tracce tessili lungo il Natisone e Foto_Texere, il progetto “Design per Cividale” si arricchisce di un nuovo tassello che, per la prima volta, lega ben nove creative che, attraverso il “made in FVG” raccontano e valorizzano la storia, la cultura e la natura di Cividale del Friuli.

Sono l’amore per questa città, dove storia e natura si incontrano in ogni angolo, e l’ispirazione nata da colori, forme e materiali, a dare vita a “Design per Cividale”: un progetto ideato da Antonella Pizzolongo, docente, textile designer e presidentessa dell’associazione, che ha voluto coinvolgere otto creative nella realizzazione di oggetti ed accessori: vere e proprie opere che raccontano la città ducale.

Nicoletta Birri, Manuela Chiappo, Rosanna Colloricchio, Michela Dreosto, Laura Piani, Antonella Oliana, Antonella Pizzolongo, Eleonora Spizzamiglio e Flavia Turel, in collaborazione con le aziende artigiane Bottoni e Non Solo, LamediLuce, Mandulis e Ricamifico Michelangelo, hanno ideato e realizzato oggetti di altissima fattura artigianale, nati da una varietà di tecniche e materiali, come ceramica, legno, tessuto e non solo: ogni opera è testimone del patrimonio artistico, artigianale e culturale del territorio ed è capace di rappresentare e valorizzare il “made in FVG”.

Venite a scoprire “Design per Cividale” venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 marzo presso la Galleria Spaziocortequattro di Cividale del Friuli dalle 10 alle 19.
(ingresso libero)

Inaugurazione: venerdì 16 marzo, alle ore 18.00

design per cividale invito

“…storie tessili”: esposizione a “Filo lungo filo”, Collegno (TO)

“…storie tessili”: esposizione a “Filo lungo filo”, Collegno (TO)

Esposizione a “FILO LUNGO FILO – un nodo si farà”
COLLEGNO (Torino)
Villaggio Leumann 23-24 settembre 2017

Noi dell’arte e “…STORIE TESSILI”

Tante storie raccontate attraverso tanti fili: ordito e trama, genesi di qualsiasi tessuto, possono tracciare mappe che superano spazio e tempo, legando persone, sensazioni ed emozioni. Il filo racconta anche i luoghi, in maniera inedita, imprevedibile ed evocativa.

Le opere esposte a FILO LUNGO FILO rappresentano, in parte, un peculiare percorso di ricerca stilistica e di contaminazione dei dettami della cultura artistica classica con le sperimentazioni della fiber art contemporanea.

Le artiste e le opere

ROSANNA COLLORICCHIO – LUNGO IL FIUME

Storie cucite assieme, storie dalle anime differenti che si incontrano lungo il fiume. Genti e confini, crude verità e incredibili leggende si sovrappongono come le acque e gli zampilli. Anche la mia storia si è imbrigliata nel corso d’acqua: ripercorro allora dalla foce alla sorgente il suo voluttuoso percorso, così nella mappa immemore del Natisone è il filo a ricondurmi a casa.

rosanna colloricchio filo lungo filo

LOREDANA GIACOMINI – IL FILO RACCONTA

I sogni di una vita in cui la pazienza e l’immaginazione, unite alla fatica che richiede il telaio, hanno giocato creando il tessuto della mia esistenza, impregnato di umori e passioni. L’intreccio di fili rappresenta lo scorrere delle stagioni e celebra la storia di chi, come me, ha scelto di porre al centro dei propri affetti un telaio. Ciò che unisce il tempo è un filo che ha suggellato i legami affettivi e consentito di uscire dal labirinto dei lavori comuni.

loredana giacomini filo lungo filo 2017

ANTONELLA PIZZOLONGO – TEMPO RIFLESSO

L’impossibile incontro tra la storia e il presente, tra il tempo che scorre e l’immobilità della scatto fotografico: solo il Natisone è l’eterno testimone che riflette, tra le trame, ogni sospiro della Città.

antonella pizzolongo filo lungo filo

FLAVIA TUREL – RACCOGLIENDO IMPRONTE

Il camminare lungo il fiume, seguendo il suo percorso, osservando lo scorrere dell’acqua, del tempo e delle stagioni, la natura che vi si specchia. Tracce di colori, profumi, impronte di natura, raccolte nel cammino e imprigionate nelle trame del tessuto.

flavia turel filo lungo filo

“Il filo racconta…”: otto artiste esplorano il Natisone con la fiber-art

“Il filo racconta…”: otto artiste esplorano il Natisone con la fiber-art

 Otto artiste esplorano il fiume simbolo della Città Ducale tra natura e cultura attraverso la fiber-art: “Il filo racconta” è un’esposizione d’arte tessile collettiva organizzata da Noi… dell’arte e ospitata nella Chiesa di Santa Maria dei Battuti a Cividale del Friuli dal 4 marzo al 2 aprile 2017.

il filo racconta mostra cividale del friuli

Cividale del Friuli è una città di storia e di natura, di grandi personaggi ed abili artigiani, di passaggio per molti e di vita per altri. Le molteplici anime della città ducale si riflettono sul Natisone, testimone immemore delle molte transizioni che fanno grande un luogo. Proprio il fiume è musa ed ispirazione per le otto artiste protagoniste della mostra “Il filo racconta” promossa dall’Associazione culturale “Noi… dell’arte” e ospitata all’interno della Chiesa di Santa Maria dei Battuti, in Borgo di Ponte, a partire da sabato 4 marzo e aperta tutti i fine settimana fino al 2 aprile.

Rosanna Colloricchio, Alice Gregori, Liviana Di Giusto, Loredana Giacomini, Flavia Turel, Antonella Pizzolongo, Antonella Palomba ed Elena Sanguankeo hanno storie differenti, ma legate insieme, letteralmente, da un filo che intrecciano, annodano, tessono dando vita ad opere contemporanee. I loro percorsi convergono nel mondo della fiber-art contemporanea e si incontrano proprio a Cividale, lungo il Natisone.

Realizzata in collaborazione con il Comune di Cividale, “Il filo racconta…” è una mostra promossa e fortemente voluta dall’Associazione culturale “Noi… dell’arte”, attiva dal 2010 nella valorizzazione della cultura artistica e artigianale del saper fare. La Presidente, Antonella Pizzolongo, sottolinea: “l’esposizione cividalese ambisce ad offrire una panoramica sulle potenzialità e sulle realtà dell’arte tessile contemporanea in Friuli Venezia Giulia. Il gruppo di espositrici, accomunate da una forte passione per la multiforme versatilità del filo, si inserisce nella tradizione tessile propria del patrimonio antropologico e culturale del Territorio, ma con punti di vista differenti, originali e contemporanei, propri del mondo dell’arte e dell’artigianato artistico.”

Informazioni: “Il filo racconta…” 

Mostra d’arte tessile: IL FILO RACCONTA…storie tessili

Chiesa di S.Maria dei Battuti – Borgo di Ponte, Cividale del Friuli (UD)

Dal 4 marzo al 2 aprile 2017

Orario: venerdì 15-19

Sabato e domenica 10-13  15-19

Espongono: Rosanna Colloricchio, Alice Gregori, Liviana Di Giusto, Loredana Giacomini, Flavia Turel, Antonella Pizzolongo, Antonella Palomba, Elena Sanguankeo.