Lo sbalzo su metallo

Descrizione del corso
Con questa tecnica – che consiste nel realizzare motivi e decorazioni imprimendo delle sottili lastre di metallo (di alluminio – colorato o al naturale, di rame o di ottone, di piombo) – è possibile decorare un’infinità di oggetti. All’inizio del corso ci sarà un momento di progettazione in cui si stabilirà a che oggetto è indirizzata la decorazione e lo studio del relativo disegno da realizzare a sbalzo. Poi si passerà all’esecuzione con i materiali e gli strumenti prescelti.
Il rame è duttile, tenero e si presta maggiormente a questa tecnica per cui i neofiti verranno indirizzati verso questo materiale.
Le esercitazioni sono indirizzate alla realizzazione di decorazioni pasquali o natalizie che possono stare anche all’esterno oppure oggetti a scelta dell’allievo.

Requisiti necessari
Voglia di sperimentare e acquisire nuove manualità.

Materiali per il corso Quaderno personale per schizzi e appunti.

Materiali forniti dall’Associazione
Sottili lastre metalliche da sbalzo (rame, ottone, alluminio, piombo), punte professionali da sbalzo o altre punte “fai da te”, tappetino da sbalzo o feltro, forbici,fogli di carta, matita, penna, carta carbone, gesso o das, eventuale supporto in legno o compensato

COLLAGE -DE COLLAGE CARTAPESTA

Descrizione del corso
Forma espressiva antica e moderna, che si rinnova attraverso le regole di
montaggio dell’opera d’arte e la varietà dei materiali scelti.
In questo corso si impareranno le tecniche e i materiali del collage, la costruzione di un oggetto semplice (vassoio) attraverso l’uso delle carte di riciclo.
Lo spezzettamento, la rottura o lo strappo dei materiali costituiscono il primo atto di una forma artistica che si realizza solo attraverso la conseguente disposizione dei frammenti; una ricollocazione che nasce dalla narrazione e dalla fantasia Il collage, infatti, non è solo scissione ma, al contrario, è proposizione; è ipotesi.
Nella realizzazione dell’opera, le forme devono trovare il loro punto di equilibrio, la composizione deve “tenere”, il ritmo deve essere dato: quindi ci sarà dapprima uno studio del bozzetto con carta e matita, poi la scelta dei materiali (non solo carta) e dei colori, del supporto adatto.

Requisiti necessari
Voglia di giocare con le forme e i materiali.

Materiali per il corso
Quaderno personale per schizzi e appunti, in seguito carte e materiali particolari
(compresi i supporti) che verranno definiti durante le lezioni.

Materiali forniti dall’Associazione
Vinavil, 2 contenitori in plastica o vetro, pennelli robusti o da acrilico di varie dimensioni, forbici, taglierino, carte e materiali di vario genere.

Tinture d’erbe

Descrizione del corso
Da piante, radici, foglie, fiori e frutti si ottengono anche tinture vegetali per colorare i tessuti. Partecipare alla nascita di un colore è un privilegio unico: la magia della tintura  trasforma i  tessuti naturali grazie alle imprevedibili reazioni provocate dall’uso dell’essenze delle erbe. Ogni pianta ha la sua caratteristica, può essere usata completamente o in parte: fiore, foglia, radice, corteccia, contiene le diverse sostanze coloranti in una “specifica combinazione originale”, ogni colore che si ottiene mantiene le caratteristiche  della specie da cui deriva.

Requisiti necessari
Curiosità a riscoprire il mondo del colore, come si presenta in natura e nelle piante che circondano l’ambiente nel quale viviamo.

Materiali per il corso
Quaderno e penna per appunti.

Materiali forniti dall’Associazione
Tessuti,  filati, essenze e  strumenti per la tintura.

Durata del corso
Per realizzare un ricettario con campionature con vari  filati e tessuti sono necessarie 9 ore, dalle 16.30 alle 19.30 una volta la settimana per 3 lezioni

Stilista per se stessa

Descrizione del corso

Sin dall’inizio della civiltà, il “Taglio e Cucito” è stata un’arte tramandata da madre in figlia, parte fondamentale del curriculum di ogni futura moglie. Successivamente è diventata sacrificabile con la nascita dell’industria dell’abbigliamento, che ci ha “vestiti” in modo più comodo ed economico, omologando però la nostra individualità in taglie S-M-L. Essere stiliste di noi stesse, significa uscire dagli schemi, riscoprire la soddisfazione di veder realizzato un capo di abbigliamento che riflette la nostra personalità e che appartiene solo a noi in quanto pezzo unico.

Requisiti necessari
Il laboratorio è rivolto alle donne che vogliono apprendere le basi del cucire, scoprendo le sfaccettature creative che si nascondono dietro ago e filo.
Materiali richiesti:
notes per gli appunti, matita, riga, metro, forbici, e altro che verrà suggerito dall’insegnante.
Materiali  forniti dall’Associazione:
macchina da cucire,  teletta, spilli, aghi, carta per cartamodello, filo.

 

Mazzon Irene

Nata nel 1990 è in possesso del Diploma in Moda e Costume conseguito presso l’Istituto statale d’Arte “Max Fabiani” di Gorizia nel 2009.
Fin da piccola si è  avvicinata all’arte del ricamo seguendo dei corsi estivi, ciò l’ha portata a frequentare la scuola artistica dove ha imparato le tecniche della tessitura a mano, della tintura e della stampa sui tessuti. Ha partecipato alla progettazione e realizzazione della sfilata “sette100” con abiti ispirati alla mostra “Abitare il settecento” a Gorizia nel 2007 in collaborazione con i Musei Provinciali. Ha partecipato nel 2008 alla mostra concorso “Un gadget per il Museo” organizzato dai Musei Provinciali risultando tra i vincitori. Ha collaborato all’ideazione e alla realizzazione di costumi teatrali. Ha seguito corsi sulla tintura naturale per i tessili e sulla tecnica del feltro con  Flavia Turel. Sta approfondendo i suoi studi di Modello, taglio e cucito e di Figurino alla scuola E. Miniussi di Trieste. E’ socia fondatrice dell’Associazione culturale Noi…dell’Arte con cui ha progettato e realizzato capi e accessori moda destinati ai bookshop della regione.
Vive a  Fiumicello (Ud)
neneh.maz@gmail.com