ROSIS – Anna Andassio

anna andassio rosis

ROSIS di Anna Andassio

Il colore e l’acqua prendono forma assieme ai pennelli e, con grazia, danno vita ai miei dipinti: in un istante il mio animo trasporta un’emozione sul foglio bianco, momenti importanti di una vita, rose bianche per ricordare.

Nata a Cividale del Friuli dove vive e lavora.

Da sempre appassionata d’arte rivolge la sua attenzione alla pratica pittorica dedicandosi da alcuni anni all’acquerello che alterna alla tecnica mista con colori acrilici. Autodidatta perfeziona le sue abilità pittoriche seguendo gli insegnamenti di noti artisti.

annaandassio@hotmail.it

Nuovi laboratori creativi a Udine

Arriva l’autunno e insieme ai primi giorni con il golfino, tornano i laboratori creativi promossi da Noi… dell’arte. Per il mesi di settembre e ottobre abbiamo pensato a tre esperienze molto diverse tra loro che possano soddisfare tutti: Arredo il mio spazio, tintura Shibori e Fotografia base. I laboratori, organizzati in collaborazione con CUORI DI TERRA, si svolgeranno in via Petrarca 45, Udine.

20-27 settembre / 4 ottobre – Ore 9.30 – 12

ARREDO IL MIO SPAZIO  a cura di Antonella Oliana

corso interior design

Scarica la locandina con il programma QUI


24 settembre / 1-8 ottobre –  Ore 9.30 – 12.30

TINTURA SHIBORI a cura di Rosanna Colloricchio

laboratori creativi udine shibori

Scarica la locandina con il programma completo QUI.


15-22-29 ottobre – Ore 17 – 19.30

Corso base FOTOGRAFIA a cura di Antonella Oliana

laboratori creativi udine fotografia

Scarica la locandina con il programma QUI.

Info e prenotazioni: 347 1733342 e noidellarte@libero.it

Un passaggio per l’infinito – Elena Zanolla

elena zanolla fotografia ponte

UN PASSAGGIO VERSO L’INFINITO di Elena Zanolla

Si dice che ogni foto racconti una storia, le mie raccontano la  ricerca dell’ordine e della semplicità che non sono ancora riuscita a dare alla mia vita. Il fulcro sono unicamente le linee che parlano attraverso i loro incontri, attraverso le sfumature di luce  e di  colore. Ciò che ci circonda altro non è che la proiezione di noi stessi e di ciò che immaginiamo. Un mondo che – se ammirato – ci presenta un’aspetto della natura che mai saremmo riusciti a cogliere, dove un ponte che attraversiamo tutti i giorni si svela un miraggio verso l’infinito, quasi verso il cielo e, perché no, il paradiso.

Appassionata creativa, laureata all’Accademia di Belle Arti a Venezia in Scenografia e Costume, a Teatro Elena Zanolla ha trovato l’ispirazione creativa per rigenerare la passione per la fotografia, radica in lei sin da bambina. Non volendo essere catalogata in qualcosa di definitivo spinge le proprie capacità verso gli ambiti più diversi (oltre le foto) sperimentando  nel suo piccolo in campo artistico nella produzione di gioielli handmade, senza dimenticare  qualche chicca nascosta nel proprio armadio di abbagliamento.

 elena.zanolla@gmail.com / Facebook

Il filo capovolto

Il filo capovolto mostra Udine

IL FILO CAPOVOLTO                                                                                     Contaminazioni artistiche

Museo Etnografico del Friuli -UDINE

18 giugno / 18 settembre 2016

L’Associazione culturale Noi…dell’arte, che nasce con il proposito di promuovere l’arte e l’artigianato in tutte le sue forme, con l’esposizione “Il filo capovolto” intende proporre artisti che si esprimono attraverso differenti linguaggi, offrendo un’ampia visione dell’arte contemporanea, con il confronto di opere ed installazioni inserite nel contesto delle collezioni tradizionali del Museo. Opere di concezione moderna che rappresentano la continuazione di una ricerca stilistica fortemente connessa con i dettami della cultura artistica odierna mettendo in luce ricerche e sperimentazioni d’arte tessile che sfociano nell’arte contemporanea e viceversa.

L’idea del progetto espositivo, frutto della collaborazione con le associazioni udinesi Altreforme e Ilsegnozero, prende spunto da una delle leggende della tradizione popolare friulana legata alle “AGANIS” in cui si narra di una donna che aiutò una salamandra a partorire. La salamandra era in realtà un’Agana, la quale, per ricompensare la donna del suo aiuto, le regalò una matassa di lana il cui filo non finiva mai. Lavorando la matassa la donna potè allevare i suoi figli. Si dice che quella matassa passi di mano in mano e continui ancora a girare. Il filo che non finisce mai può anche rappresentare metaforicamente l’ispirazione di cui l’artista ha continuamente bisogno per nutrire il proprio lavoro. Questo è il punto di incontro degli artisti, provenienti da universi artistici differenti, che hanno trovato nella collezione espositiva del Museo Etnografico del Friuli e nella leggenda delle “Aganis” l’ispirazione, fluida e originale, per costruire qualcosa di personale che assume un significato collettivo nell’esposizione.

Il filo è un’immagine archetipica potente, ed è stato protagonista del fare lungo tutta la storia dell’umanità: un filo che, appunto, non finisce mai, ma si trasforma continuamente.

Il filo, infatti non viene più utilizzato esclusivamente per la realizzazione di un prodotto bello e prezioso, ma viene impiegato dagli artisti come mezzo per denunciare una serie di stereotipi che faticano a morire, per svelare inquietudini e sensazioni, per costruire ponti tra passato e futuro. Il filo capovolto del titolo vuole evocare proprio un mondo di contrasti e contraddizoni, di differenze e di distanze che solo un filo può legare.

Esclusivo workshop fotografico: “Lungocosta”

Desideri fare un’esperienza fotografica originale, tra terra e mare?

Iscriviti al workshop fotografico “Lungocosta” a cura di Antonella Oliana, che ti permetterà di apprendere alcune nozioni fondamentali di fotografia, per realizzare un mini reportage navigando tra il porto di Marina Lepanto, Monfalcone, e il castello di Duino.

L’appuntamento è per SABATO 9 LUGLIO,

dalle ore 14.00 alle ore 18.30

workshop lungocosta antonella oliana

Il corso è rivolto a coloro che desiderano apprendere le nozioni fondamentali di fotografia mettendo immediatamente in pratica, durante la lezione, le regole di base. Il tema proposto mirerà alla realizzazione di una serie di scatti sul tema del mare, dell’acqua e delle attività che si svolgono attorno a questo importante elemento.

Non è necessaria una preparazione approfondita in materia. Sarà possibile utilizzare ogni tipo di camera, dalla compatta alle reflex.

Programma: lezione teorica dalle 14.00 alle 16.00

Uscita in barca con lezione pratica dalle 16.30 alle 18.30

Dove: a Marina Lepanto – Monfalcone In Via Consiglio d’Europa 38

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a 347.1733342 – noidellarte@libero.it

Antonella Oliana, nata, vive e lavora a Udine. Si è diplomata all’Istituto Statale d’Arte Sello, in arte della grafica e della fotografia e si occupa, prevalentemente, di interior design. La passione per la fotografia, mai sopita in questi anni, ha avuto, con l’avvento del digitale, un nuovo slancio creativo: ha esposto in numerose mostre collettive e personali in Italia e all’estero. La commistione tra professione e arte, l’ha portata a fotografare eventi e installazioni artistiche, architettura e arredo, sfilate di moda, collezioni tessili e accessori d’abbigliamento. Organizza corsi di fotografia e di arredo d’interni. Ha vinto il primo premio (ex equo), al Concorso Internazionale di fotografia “La diversità delle donne nel lavoro e nelle professioni”, nel dicembre 2014.